Questo sito utilizza cookie tecnici, cookies di profilazione e cookies di terze parti per la gestione della navigazione. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a qualunque elemento del presente sito, esterno a questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Gli annunci di lavoro su internet non funzionano

Altamira HRM - Saas HR Solutions You Can Count On

Non affidarti al metodo “post and pray” (posta l’annuncio e prega che la persona giusta risponda) per il reclutamento di figure professionali. È questo il succo di un articolo scritto da Paul Siker, CEO of Advanced Recruiting Trends, incentrato sui problemi che puoi incontrare nella ricerca di candidati utilizzando gli annunci di lavoro sul web.
Riassumiamo i problemi in due punti principali:

  • Devi “pregare” che la persona giusta veda l’annuncio di ricerca di personale dell’azienda.
  • È un metodo piuttosto statico, che presuppone che tu stia fermo ad aspettare in modo passivo che il lettore si accorga dell’annuncio di lavoro.

Dopo aver visto il post, il lettore deve inoltre sentirsi spinto a rispondere. Non è detto che ciò accada, soprattutto se si utilizzano messaggi spogli, noiosi e privi di incentivi, come purtroppo moltissime aziende sono abituate a fare.

L’articolo ti suggerisce di utilizzare, invece, un tipo di ricerca attivo, spronando in modo mirato il lettore dell’annuncio a candidarsi.

In particolare, devi scegliere con cura le parole o frasi che:

  • possano attirare l’attenzione del lettore;
  • spieghino nel dettaglio l’impatto che può scatenare il contributo del candidato;
  • evidenzino come il suo ruolo si leghi con la missione dell’organizzazione;
  • stimolino, infine, il lettore ad agire e a rispondere tempestivamente all’annuncio.

Un articolo semplice e immediato, da non perdere, che mette in evidenza errori comuni commessi dalle aziende e che fornisce consigli pratici sul corretto modo di reclutare figure professionali per una determinata posizione lavorativa.

Per leggere l’articolo completo originale in inglese vai qui