Questo sito utilizza cookie tecnici, cookies di profilazione e cookies di terze parti per la gestione della navigazione. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a qualunque elemento del presente sito, esterno a questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Onboarding e fidelizzazione

AltamiraHRM - SaaS Human Resources that Deliver

Il primo giorno di un nuovo lavoro è sempre fondamentale. L’impressione iniziale definisce il tono della futura relazione lavorativa, può influenzare la decisione di abbandonare la nave per seguire una prossima opportunità o rimanere, costruendo un legame più forte con l’azienda.

In questo senso, una procedura di onboarding corretta può fare la differenza.  Il termine “onboarding” è quello che più tradizionalmente conosciamo come “orientamento”, vale a dire la presentazione dell’azienda, del team al nuovo dipendente e la compilazione dei vari formulari.

Un onboarding organizzato male e con pochi dettagli può causare frustrazione nel dipendente, che sentirà di non essere stato preso sul serio dall’azienda sin dal primo giorno. Per avere un esito positivo, l’onboarding deve sempre avere un piano ben strutturato. Quali sono quindi le chiavi che assicurano questo risultato?

Questi alcuni degli elementi imprescindibili:

  • email/telefonata di benvenuto
  • agenda dei primi giorni
  • adempimenti fiscali e benefit
  • opuscoli, documentazioni HR e aziendali
  • strumenti tecnologici e credenziali di accesso
  • postazione di lavoro
  • presentazione al manager e al team

Per aggiungere maggiore valore, come spiega Eric Magnussen nel suo articolo, è sempre possibile personalizzare l’onboarding con piccoli dettagli che fanno la differenza: un piccolo rinfresco, delle raccomandazioni sulla zona dell’ufficio, una breve chiacchierata a fine giornata.

L’onboarding, la prima ottima impressione, possono essere l’inizio di una grande carriera: scopri come trovare tempo da dedicare a questa attività grazie a un buon software HR!