Questo sito utilizza cookie tecnici, cookies di profilazione e cookies di terze parti per la gestione della navigazione. Se vuoi saperne di più clicca qui. Se accedi a qualunque elemento del presente sito, esterno a questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

7 motivi per cui i software SaaS sono l’ideale per l’HR

software SaaS

Uno dei compiti più importanti di un’azienda è quello di fornire ai suoi dipendenti gli strumenti migliori per lavorare. Discorso valido anche per il dipartimento HR che, con i progressi tecnologici degli ultimi decenni, è stato costretto a rivedere il suo approccio alla modalità di gestione del personale. Il SaaS (software as a service) è un tema ricorrente in questo percorso d’innovazione e una strada adottata giorno dopo giorno da sempre più imprese.

Nei prossimi punti accenniamo brevemente ai motivi per cui i software SaaS siano oggi la scelta più sensata nella gestione del personale e del recruiting.


I software SaaS convengono

In molti casi, ricorrere a un sistema scalabile e avanzato comporta grandi costi di installazione. Il SaaS, invece, ti permette di implementare soluzioni di ultima generazione senza bisogno dell’intervento del team IT. Sviluppare un software in-house richiede un impegno economico molto superiore rispetto alla semplice adozione di una soluzione esterna. Inoltre, molte risorse necessarie a far “girare” i software SaaS sono a carico del fornitore, che consegna soluzioni “chiavi in mano”.


Il personale ha già dimestichezza con Internet

Dal momento che viviamo nell’“era della tecnologia”, quasi tutti i dipendenti hanno familiarità con il web e le applicazioni mobile e utilizzano già nel lavoro di tutti i giorni software e semplici interfacce grafiche. Quando si implementa una soluzione SaaS la curva di apprendimento è quindi piccola. Essendo già abituati ad accedere alle informazioni online, i dipendenti non fanno alcuna fatica nell’adottare le nuove pratiche.


È sicuro e ama viaggiare

Sul SaaS si sono diffuse diverse convinzioni errate. In primis, che non sia in grado di proteggere le informazioni e che sia “fisso”. Grazie a opzioni di Single sign-on (la proprietà di un sistema di controllo d’accesso che consente a un utente di effettuare un’unica autenticazione valida per più sistemi software o risorse informatiche alle quali è abilitato) e a sistemi avanzati di sicurezza, i tuoi dati sono al sicuro. Anche le soluzioni di accesso sono illimitate. Un software SaaS permette a un dipendente di accedere al suo report HR mentre sorseggia un caffè in Marocco e quindi condividerlo con un suo collega in Francia. Il tutto in una manciata di minuti.


Ti conferisce superpoteri

Grazie al SaaS puoi diventare all’istante un maestro del multitasking. Con gli strumenti di HR analytics e l’automatizzazione di alcuni processi, ti libererai di tante attività che prima richiedevano un enorme impiego di tempo. In questo modo potrai concentrarti sul cuore del tuo lavoro: sviluppare risorse umane migliori e incrementare l’efficienza, con costi minimi o nulli. L’ufficio HR è spesso l’ultimo della lista quando si tratta di modernizzare le risorse tecnologiche aziendali ed è spesso difficile avanzare le giuste pretese. Il SaaS può permettere alle Risorse Umane di colmare d’un balzo il gap tecnologico con gli altri reparti, senza richiedere uno sforzo economico eccessivo all’azienda.


L’unione fa la forza

Il SaaS va d’accordo con gli altri software di gestione aziendale. Molti sistemi proprietari richiedono grandi esborsi e una intensa opera di programmazione per interagire con altri programmi. Il SaaS, al contrario, è progettato per essere integrabile. Ha la capacità di elaborare grandi quantità di dati e di “diffonderli” verso le altre piattaforme e soluzioni software che usi già. Ciò può avvenire attraverso “add on” o applicazioni esterne, spesso di costo ridotto o nullo, o attraverso le API. Questo ci porta al punto seguente.


Non devi riscrivere la storia

Un equivoco comune è che il SaaS sia rigido, poco flessibile e una scelta sbagliata per le aziende più piccole. Questo equivoco deriva dal fatto che si tende a pensare che configurazione e personalizzazione siano concetti interscambiabili. La personalizzazione in genere si realizza mettendo mano al codice ed è piuttosto onerosa. Nella configurazione, ci sono segnali lungo il percorso (programmati nel codice) che ti permettono di prendere decisioni. In altre parole, non stai costruendo la strada, stai solo scegliendo dove girare. Una buona soluzione SaaS è configurata per soddisfare le tue esigenze di base, con una serie di opzioni che possono essere azionate come un interruttore della luce.


Cresce con te

Il SaaS evolve in continuazione. Soprattutto per via dell’architettura multi-tenant, in cui una singola istanza del software gira su un server ed è utilizzata da più di un utente. La condivisione libera di informazioni porta infatti benefici a tutti gli attori coinvolti.

Il SaaS è intuitivo e innovativo ed è progettato per crescere e sostenersi con il mercato. Anche in questo differisce notevolmente dai programmi proprietari, che devono prima effettuare una ricerca su ciò che ha bisogno di essere cambiato per poi intraprendere un costoso processo di rinnovamento. Di conseguenza tendono a essere piuttosto statici, diventando infine obsoleti. Una cosa che può succedere piuttosto rapidamente nel mercato dinamico e di transizione di oggi.

Informazioni su Brianna Blaney

Brianna first began writing professionally as a tech writer for an environmental testing firm and later for a digital media company. In addition, she writes several articles for blogs on a daily basis, all with SEO enriched frameworks. She has the capability to elaborate on a multitude of subjects that run the gamut from health and nutrition to cloud computing and even pop culture. A self admitted foodie, she cooks on a daily basis and always experiments in the kitchen. Brianna has her B.A. in Political Science from California State University Northridge with a minor in Psychology.
  • website
  • linkedin