Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati usano cookie tecnici proprietari e analitici che migliorano la navigazione e il funzionamento del sito. Il sito utilizza anche cookie di profilazione per offrirVi una navigazione personalizzata sulla base dei Vostri interessi. Se volete saperne di più consultate la Informativa Cookie nella sezione dedicata. Cliccando su Accetto, acconsentite all’uso dei cookie.

Chi trova un database candidati trova un tesoro

database CV

Il più grande tesoro di una job board, così come di un’agenzia di selezione, è il suo database di candidati. Una cosa non sorprendente se si pensa che molte delle multinazionali di maggior successo degli ultimi anni, come Facebook e Google, devono la loro fortuna alla enorme mole di dati personali che possiedono.

E le aziende italiane?

Stranamente, non sono poche quelle che scelgono di non costruire un proprio database di candidati digitale ma di affidarsi a servizi esterni che coprano di volta in volta le loro esigenze di recruiting.

Tuttavia i vantaggi di un database candidati unico, che comprenda strumenti di ricerca, storicizzazione e annotazione, sono molteplici.

Vediamo i più importanti:

  • Ricerche e selezioni multicanale. Quando si apre la ricerca di una nuova figura per la propria azienda, è piuttosto raro che ci si affidi a un unico canale. Infatti anche se la maggior parte delle candidature online possono essere ottenute affidandosi alle principali job board generaliste, è sempre possibile attrarre candidati diversi e di gran valore attraverso social network, job board di settore, eventi, agenzie di selezione, referenze interne ecc. Se non si possiede un database aziendale digitale in cui far confluire tutti i CV, ciascuno di questi canali dovrà però essere analizzato a parte. Ciò comporta tempi di selezione molto più lunghi, perdita di efficienza e il forte rischio di minare la qualità del lavoro svolto.
  • Profili dettagliati. Uno dei più grandi vantaggi nell’avere un database candidati aziendale è quello di poter conservare non solo i curricula, ma anche tutte le relazioni che hai intrecciato e le informazioni che hai carpito da colloqui, telefonate e scambi di email. Potrai così ritrovare annotate a distanza di tempo valutazioni preziose sulle soft skill di un candidato, aspettative di reddito, referenze ecc.
  • Profili “caldi”. Il tuo database non contiene profili qualunque. Sono persone che, in un determinato momento, hanno espresso un chiaro interesse per la tua azienda. Ci sono quindi buone possibilità che, se contattati, si dimostrino interessati a valutare determinate offerte. Ovviamente è sempre meglio revisionare e aggiornare periodicamente il database per eliminare i curricula ormai del tutto obsoleti.
  • Risparmio di tempo. La maggior parte dei database candidati digitali utilizzabili da un’azienda (tipicamente parte del loro software per il recruiting) hanno strumenti di ricerca e filtri di gran lunga superiori a quelli offerti da job board e strumenti di posta elettronica. Software evoluti come Altamira Recruiting, poi, offrono ulteriori tool per facilitare la selezione, come il ranking automatico e la segmentazione del database in progetti di ricerca. Il vantaggio principale, comunque, resta quello di poter compiere ricerche e analisi su tutto il bacino di candidati, da qualunque fonte arrivino.
  • Risparmio di denaro. I candidati che entrano a far parte del tuo database sono, nei limiti imposti dalle normative sul trattamento dei dati personali, ricontattabili senza alcuna spesa ulteriore. Potresti già avere “in pancia” il candidato giusto e non aver bisogno di ricorrere ad annunci sponsorizzati o ai servizi di agenzie di selezione.
  • Analisi dei dati. Possedere un database dei candidati aziendale vuol dire avere la possibilità di analizzare la tua attività di recruiting nel suo complesso, producendo report e tabelle utili per monitorare il tuo lavoro e renderlo sempre più efficiente.
  • Proprietà dei dati. I dati che entrano a far parte del tuo database curricula aziendale sono – nei limiti imposti dalle normative – di tua proprietà. Ciò vuol dire anche che in caso di bisogno potrai esportarli tranquillamente da un sistema all’altro, senza perdere i dati accumulati nel corso degli anni.

In definitiva, costituire un database di CV aziendale è indispensabile per qualunque azienda voglia guardare oltre il brevissimo termine. Sul medio e lungo periodo, infatti, i risparmi in termini di tempo e denaro sono eccezionali, così come il miglioramento della qualità dei candidati selezionati.



Se sei interessato a costruire un database di candidati per la tua azienda, mettiti in contatto con noi: potremmo avere la soluzione giusta per te.



Credito fotografico: ©onephoto/Fotolia

Post correlati

Iscriviti al nostro Blog

Ricevi via email i nostri articoli sul mondo delle Risorse Umane, una volta al mese.