Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati usano cookie tecnici proprietari e analitici che migliorano la navigazione e il funzionamento del sito. Il sito utilizza anche cookie di profilazione per offrirVi una navigazione personalizzata sulla base dei Vostri interessi. Se volete saperne di più consultate la Informativa Cookie nella sezione dedicata. Cliccando su Accetto, acconsentite all’uso dei cookie.

7 processi HR che non pensavamo di poter gestire (solo) online

Processi HR solo online

Grazie a piattaforme come Altamira HRM molte aziende hanno nel tempo digitalizzato sempre più i loro processi HR.

Anche le aziende più smart – comprese le stesse case produttrici di questi software – non erano però giunte a una digitalizzazione così radicale come quella stimolata dalla pandemia in atto.

Il ricorso massiccio – se non esclusivo – al lavoro da remoto e il distanziamento sociale stanno infatti spingendo le aziende a trovare soluzioni digitali anche per attività che finora erano ancora gestite in maniera “tradizionale”. Questo cambiamento sta richiedendo uno sforzo ulteriore alle aziende più innovative e sta mettendo ancora più in difficoltà tutte quelle ancora estranee alla rivoluzione digitale.

Ecco gli esempi più eclatanti che abbiamo notato.


Career Day

La ricerca e selezione del personale è forse l’area HR con il più alto tasso d’innovazione tecnologica. Il contesto attuale sta, quindi, solo accelerando un processo in atto da tempo, favorendo in particolare la diffusione dei software per i video colloqui, già utilizzati da qualche anno.

La vera novità in questo ambito è la massiccia digitalizzazione dei career day, trasformati in occasioni di employer branding e recruiting digitale grazie al ricorso a software appositi come Eightfold. Da eccezione, i career day digitali diventeranno nei prossimi mesi la regola.


Onboarding

Molte soluzioni – tra cui Altamira Recruiting – permettevano già di digitalizzare il processo di onboarding, automatizzando alcuni passaggi ripetitivi come lo scambio di documenti e la lettura di policy e assegnando task preliminari al neoassunto. Ma quante aziende erano pronte ad accogliere i propri dipendenti interni senza incontrarli di persona per mesi?

Formare un nuovo dipendente da remoto e, soprattutto, farlo integrare nel team senza aver occasione di incontrarlo di persona non è facile, ma è ciò che sta avvenendo in questo momento, anche in Altamira. Per farlo, torneranno sicuramente utili anche strumenti di team building e formazione online.


Team building

Fino a qualche settimana fa sarebbe stato difficile pensare di investire in un’iniziativa di team building che non coinvolgesse i colleghi in un’attività concreta e manuale.

Oggi che il bisogno di tenere insieme team distribuiti è più forte che mai, le cose sono cambiate. Non a caso sono iniziate a comparire subito nuove forme di team building virtuali, che con sfide e quiz digitali cercano di mantenere alto l’affiatamento e lo spirito di collaborazione in azienda. Ecco un esempio.


Formazione

La formazione online è una realtà da tanti anni e la sua diffusione è limitata principalmente dagli esigui investimenti che le aziende italiane fanno in questo ambito.

Sono poche, però, le realtà che finora si erano affidate esclusivamente al digitale. I corsi di formazione su argomenti molto specialistici, in particolare, sono difficilmente reperibili in questo formato.

Oggi la richiesta per software di formazione che supportano l’e-learning è in netto aumento, come abbiamo modo di verificare in prima persona. La vera sfida sarà produrre contenuti digitali in grado di soddisfare per intero il fabbisogno formativo delle aziende.


Rilevazione presenze

Finora, la maggior parte delle aziende ha preferito tracciare le presenze dei dipendenti mediante badge e dispositivi hardware, anche quando in possesso di un software che consente le timbrature da smartphone, tablet e/o computer.

Oggi la modalità di timbratura virtuale sta consentendo alle imprese che lavorano esclusivamente in remoto di continuare a tracciare presenze e straordinari di tutti i dipendenti.


Welfare aziendale

Il mondo del welfare aziendale si è già spostato online, con il successo di piattaforme come Easy Welfare che consentono ai dipendenti di gestire il loro budget da una comoda interfaccia digitale.

Quel che sta cambiando, oggi, è l’offerta a disposizione dei dipendenti. Finora, infatti, il paniere del welfare aziendale è stato dedicato a beni e servizi con un’alta connotazione “fisica”. Oggi ne fanno invece parte anche i consulti medici a distanza, lo psicologo online, la consulenza nutrizionale in remoto ecc. Anche l’offerta di abbonamenti a piattaforme di streaming – principalmente di tipo formativo – è in deciso aumento.


Valutazioni

Il lockdown ha paralizzato tutti quei processi di valutazione basati ancora su carta e documenti word, ma ha influito anche sulle abitudini delle aziende più innovative.

Anche le imprese che adottano una piattaforma di valutazione digitale, infatti, di solito prevedono incontri periodici di persona dedicati al dialogo e al confronto. Per poter mandare avanti i loro processi, oggi hanno digitalizzato anche questi momenti, affidandosi alle sempre più utilizzate app di videoconferenza e videochiamata.

Grazie a questo piccolo cambiamento stanno così riuscendo a dare seguito a questa attività, ancora più importante in questo periodo in cui ciascun dipendente è chiamato a dar prova di autonomia e senso di responsabilità e in cui il suo operato è testimoniato esclusivamente dai risultati raggiunti.




Copyright: ©elenabsl/Adobe Stock

Post correlati

Iscriviti al nostro Blog

Ricevi via email i nostri articoli sul mondo delle Risorse Umane, una volta al mese.