Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati usano cookie tecnici proprietari e analitici che migliorano la navigazione e il funzionamento del sito. Il sito utilizza anche cookie di profilazione per offrirVi una navigazione personalizzata sulla base dei Vostri interessi. Se volete saperne di più consultate la Informativa Cookie nella sezione dedicata. Cliccando su Accetto, acconsentite all’uso dei cookie.

Ferie pagate: storia di conquista e solidarietà

Banner ferie pagate

Una delle ultime novità nel “mondo” delle ferie retribuite è contenuta nell’articolo 24 del decreto legislativo n. 151/2015.

Questo articolo ha introdotto la possibilità per il dipendente di un’azienda – a seguito di accordi sindacali – di donare parte delle proprie ferie eccedenti a colleghi che ne abbiano bisogno, per esempio per accudire minori bisognosi di assistenza costante.

Si parla di ferie eccedenti in quanto i lavoratori sono obbligati a usufruire di quelle minime, fissate a 20 giorni per norma di legge.

Questa novità legislativa, ispirata alla francese “legge Mathys”, è già stata messa in pratica da diverse aziende e da tanti enti pubblici sparsi per tutto il territorio nazionale, con diversi casi di cronaca che ci hanno restituito un po’ di fiducia nel genere umano.


Nascita e diffusione delle ferie retribuite

Questa recente novità non può che rammentarci dell’importanza delle ferie pagate, una istituzione – è facile dimenticarlo – relativamente giovane in Italia.

Ma dove e quando sono state introdotte per la prima volta?

Un tempo, quando il lavoro si svolgeva in massima parte nei campi ed era il ritmo delle stagioni a dettare pause e giorni di riposo per tutti, le ferie retribuite probabilmente non erano considerate una priorità.

Ma in seguito alla rivoluzione industriale e alla diffusione del lavoro in fabbrica divennero tantissimi i lavoratori che avevano come uniche giornate di riposo le domeniche e le poche festività religiose in calendario.

Il primo Paese a riconoscere dei giorni di ferie retribuiti ai lavoratori fu il Regno Unito. Nel 1871, il Bank Holiday Act introdusse alcune giornate – 4 in Inghilterra e Galles, 3 in Scozia – di vacanze pubbliche, ma non per tutti.

Il primo Stato a ideare un sistema di ferie retribuite valido per tutti i lavoratori fu invece la Francia, con una legge scritta nel 1925 e promulgata undici anni dopo, nel 1936.

In Italia il tema venne trattato per la prima volta nel 1927 sotto il regime fascista con la Carta del Lavoro. È solo con la Costituzione del 1948, però, che vengono ufficialmente introdotte le ferie retribuite per come le intendiamo oggi.

L’articolo 36, infatti, recita: “Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa. La durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge. Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi.”

Gli organismi internazionali – come l’ILO (Organizzazione Internazionale del Lavoro) e l’Unione Europea – hanno avuto un ruolo importante nella diffusione globale delle ferie retribuite, indicando delle linee guida progressivamente accettate e a volte superate dalle singole nazioni.

E gli Stati Uniti?

Non è un segreto che il mercato del lavoro USA sia tra i più competitivi e con meno tutele al mondo.

Tanto che, stando a un rapporto del Center for Economic and Policy Research, sono l’unica nazione tra le 21 più sviluppate a non imporre per legge le ferie retribuite (perlomeno a livello federale).

Ciò non vuol dire che le aziende, per propria iniziativa o per via di leggi approvate dai singoli Stati, non offrano alcun giorno di ferie retribuito. Ma la ricerca del CEPR rivelava nel 2011 che circa il 25% dei lavoratori americani non aveva alcun giorno di ferie retribuito a disposizione.

E questo nonostante la mole di studi che dimostrano come le ferie pagate (compreso il congedo parentale) migliorino retention, engagement e morale dei dipendenti.




Crediti fotografici: ©musa_smsk/Fotolia.